Hai mai sentito parlare di Dien Chan?

La parola “Dien” significa “faccia” e “Chan” “diagnosticare” ma anche “fermare”. Dien Chan vuol dire quindi diagnosticare gli stati di malessere attraverso dei punti-riflesso sul viso.

Questa tecnica relativamente recente risale agli anni ‘80, periodo nel quale il suo ideatore Prof. Bui Quoc Chau cercava di alleviare le sofferenze dei suoi pazienti a seguito della guerra del Vietnam. E’ proprio con uno di loro che ebbe la sua prima geniale intuizione, scoprì il primo punto riflesso al viso e da lì iniziò la divulgazione di questa tecnica.

 

Tramandato fino ai giorni nostri il Dien Chan ci permette quindi di recuperare o mantenere uno stato di benessere e salute semplicemente massaggiando, premendo, picchiettando o riscaldando alcuni punti precisi nel viso che riflettono le parti del corpo che sono in disfunzione o che hanno qualche squilibrio energetico.

Questa stimolazione può essere fatta direttamente con le mani o con l’ausilio di particolari strumenti (come quello nella foto), da un terapeuta oppure da noi stessi. 

 

Il bello della riflessologia è che ci permette di spaziare in più ambiti: non solo in campo terapeutico per ciò che è stata ideata, ma anche nel mondo del beauty!
In istituto ormai da diversi anni utilizziamo la tecnica del Dien Chan e devo ammettere che ha davvero impreziosito i nostri protocolli di lavoro incrementando in maniera esponenziale -ed in modo naturale- i risultati delle nostre ospiti.

Così dalla ruga all’adipe, dalla ritenzione alla lassità dei tessuti… i miglioramenti sono visibili ad occhio nudo, inoltre il benessere che pervade le nostre ospiti è senza paragoni. 

Tu hai mai avuto il piacere di provare questa particolare tecnica? 

Chiama subito il numero 04216474150 oppure clicca sul link https://wa.me/393665481646 per prenotare ora il rituale viso Longevity Face Treatment, concediti 90 minuti di benessere e prova la meravigliosa tecnica di riflessologia vietnamita!

A presto,
Rosanna
La tua Consulente di Bellezza 

Condividi l'articolo:
Facebook
Twitter
Written by Gardenia